Workshop iLearn

Workshop iLearn

By on Lug 11, 2013 in Notizia | 0 comments

Si è svolto  il 20 maggio 2013 a Borgo a Mozzano (Lucca, Toscana) il primo workshop iLearn rivolto a circa 30  volontari, persone con disabilità, familiari, decisori politici/autorità locali con provenienze lavorative e formative differenti.

L’obiettivo generale del seminario è stato quello di accrescere le opportunità di conoscenza e confronto tra i membri del gruppo. L’azione formativa è stata finalizzata a creare e rafforzare i legami interni al gruppo di lavoro,  per cercare di sostenere la relazione con la disabilità e aiutare le persone a progettare e realizzare delle attività educative e di animazione nelle scuole primarie e secondarie italiane, come volontari.  In particolare, questo workshop  ha fornito l’occasione di  approfondire alcuni dei contenuti chiave del progetto iLearn:

  • La relazione con la diversità
  • La diversità (intesa come molteplicità di caratteristiche individuali, ivi comprese la condizione di disabilità) e il rapporto con essa.
  • Gli oggetti mediatori

I contenuti sono stati proposti attraverso una serie di “occasioni”: la presentazione e l’autopresentazione, diverse tecniche attive, giochi comunicazione e sul conflitto e, non ultime,  le domande e i momenti di confronto e di riflessione collettiva.

L’apprendimento in situazione: La metodologia di lavoro utilizzata nell’aula di formazione ha sempre previsto un approccio attivo e collaborativo, in cui i corsisti sono stati coinvolti in prima persona e resi protagonisti.

Il progetto ha lavorato per strutturare nuovi apprendimenti in senso emozionale e sociale attraverso l’utilizzo di linguaggi diversi: linguaggi non verbali, uso del corpo, attività motorie e ludiche. In tal modo si è consentito ai corsisti di affrontare il proprio rapporto e il proprio vissuto con la diversità (e con la disabilità) rivisitando, quindi, il proprio atteggiamento nei confronti della stessa.  Durante il seminario sono state proposte varie attività, spesso in forma ludica, quali attività in cerchio, tecniche attive, sperimentazioni, lavori di gruppo e rielaborazioni. Alcune di queste sono presentate nel video qui sotto.

 

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *